Nella pancia di Tera

Progetto Spaziodanza

Liberamente tratto da Communication di Tera De Marez Oyens

Communication è un’opera aperta scritta nel 1970 dalla compositrice olandese Tera De Marez Oyens (1932-1996). Contrariamente alla maggior parte delle opere aperte di quegli anni, è un brano concepito per un organico quasi definito: coro e un gruppo di danzatori. La partitura, in notazione prevalentemente grafica, richiede agli esecutori di interpretare gli stessi segni con il suono e con il movimento. Il confronto diretto e la fusione di linguaggio sonoro e gestuale/spaziale costringe a spostare continuamente il punto di vista. Lo sguardo sulla partitura si moltiplica in rifrazioni sempre nuove e le scelte sull’azione collettivasono frutto di mescolanze e scambi imprevisti.

Il nostro adattamento per due strumenti e due danzatrici, vive e si nutre continuamente di scambi e sorprese e ci amalgama in una traiettoria a tratti lineare, a tratti scomposta e folle. Ci obbliga a metterci in gioco e spinge un po’ più in là le nostre frontiere e i nostri limiti fisici, tecnici, mentali ed emotivi.

Dentro la pancia di Tera, che ci ha consegnato la struttura dei segni, diamo vita, diamo corpo, diamo voce. Sulla scena siamo tutte dentro la stessa persona, la stessa mente, siamo espressione di piccole parti di lei.

Suoni danzanti, corpi suonanti, espressione di più segni. Donne immerse in una vita che si esprime senza ostentazione nelle sue sfaccettature di forza, ironia, frustrazione, profondità, complessità. Relazioni preziose di sguardi e respiri. Senza narrazione, fili elastici si tendono, si avviluppano e rilassano in contatti e fughe.

Il ventre generoso di Tera accoglie il ribollire chiassoso delle sue anime. Creatura femminile abitata di istinti e pulsioni, suoni e gesti, si esprime attraverso sue diramazioni nei corpi delle danzatrici e delle musiciste.

Nella pancia di Tera la vita è rigogliosa e insegue l’incedere libero e insolente del gioco, tra sbuffi e schiocchi, sguardi e battiti, corse e stacchi.

  • Creazione collettiva di Donatella Martina Cabras (danza), Alessandra Giura Longo, (flauto) Francesca Massa (danza), Francesca Romana Motzo (clarinetto)
  • Coordinamento registico di Momi Falchi
  • Partitura musicale di Tera De Marez Oyens
  • Luci di Andrea Erbì
  • Costumi di Marco Caboni
  • Foto di Laura Farneti
  • Spaziodanza - Festival AUTUNNO DANZA