Juan Manuel Castrillo

NĀDA

Nāda, o naad, significa suono in Sanscrito: la meditazione sul suono si basa sul fatto che tutto è prodotto da energia sonora: un suono che non è intrattenimento, ma un modo di connettere se stessi e il resto dell’universo. Ma cosa succede se si è esposti a un duro, costante muro di suono? Le proprietà spirituali risiedono nel suono o nell’attitudine dell’ascoltatore? È possibile arrivare a uno stato meditativo, per mezzo di droni e presentando ogni suono con la minore variazione possibile?